mercoledì 20 agosto 2014

La Panzanella

Ancora una volta la semplicità e la tradizione fanno da padrone nella mia tavola e oggi ci tengo tantissimo a presentare questa ricetta tipicamente toscana, uno dei nostri piatti poveri per eccellenza, ma che in estate non manca mai nelle nostre case come nei menu di numerosi ristoranti...



La Panzanella nasce come piatto di recupero, per consumare il pane raffermo avanzato che sostava nella madia.
Come sapete nella scorsa metà del secolo il pane veniva fatto in casa circa una volta a settimana e come racconta spesso mia nonna, i primi due giorni era buono, ma poi si induriva sempre più e le abili massaie erano costrette a doverlo consumare sotto altre forme: ecco che d'inverno facevano la ribollita e d'estate panzanella a volontà!
E con cosa lo potevano mai condire questo pane raffermo e ammollato? Con quello che trovavano nell'orto!
Di certo, d'estate non c'erano finocchi e cavoli, ma colorate e fresche verdure di stagione: pomodori innanzi tutto, maturi e rossi, peperoni verdi, cetrioli, basilico profumato e l'immancabile cipolla rossa.



Apparentemente di facile esecuzione, questo piatto necessita di ingredienti fondamentali che ne autenticano il sapore inconfondibile come il pane cotto a legna con farina preferibilmente macinata a pietra, verdure freschissime e olio extravergine di oliva.
Ne esistono diverse versioni e potete modificarla anche a vostro gusto come più vi piace, qui da noi, ogni famiglia ha la sua ricetta, ma io vi propongo la versione basic, quella originale....

Da qui in poi decidete voi, se gustarla così o dare spazio alla fantasia travolgendo anche le ricette che sembrano rigide e impostate...in cucina, così come nella vita, tutto è possibile....



Ingredienti:

350 - 400 gr di pane raffermo cotto a legna
3 pomodori
1 cetriolo
1 peperone verde
mezza cipolla rossa
basilico fresco
sale
olio extravergine di oliva
aceto di vino bianco



La prima operazione da fare, quella più delicata e dalla quale dipenderà la riuscita del piatto è bagnare il pane. Mia nonna lo tiene in ammollo fino a quando non ha assorbito così tanta acqua da diventare il doppio del suo volume iniziale!!!! Ma in realtà (e non sai nonna, quanto mi dispiace contraddirti) il pane deve essere bagnato a intervalli per fa sì che non risulti completamente zuppo.

Quindi bagnatelo e tenetelo a scolare in uno scolapasta, dopo pochi minuti passatelo di nuovo sotto l'acqua corrente e così via per un altro paio di volte. Dopo di che iniziate a sbriciolarlo e metterlo in una ciotola.

Tagliate la cipolla a fettine sottili e tenetela a bagno nell'acqua per cinque minuti.
Nel frattempo tagliate tutte le altre verdure a tocchetti e unitele al pane.
Aggiungete la cipolla scolata dell'acqua, le foglie di basilico e condite con sale, abbondante olio e pochissimo aceto.

Amalgamate bene e lasciate riposare a temperatura ambiente almeno un'ora prima di servire.




Share:

13 commenti

  1. Buonissima! Mai provata accompagnata con un caprino fresco mantecato con del paté di olive nere? Io la adoro ^__^

    RispondiElimina
  2. L'ho fatta anch'io qualche giorno fa :) MI piace da morire la tua versione! Bellissima e originale anche la tua presentazione e come sempre ti faccio i complimenti per le tue foto incantevoli :)

    RispondiElimina
  3. Non l'ho mai assaggiata, questa panzanella. Ma quanto dev'essere buona e genuina??? Ciao Maddy, grazie per le tue bellissime foto...

    RispondiElimina
  4. Queste ricette che sanno di tradizione e autenticità sono fantastiche! Grazie Maddy per questa ricetta, ne faremo tesoro!
    un abbraccio grosso!

    RispondiElimina
  5. Adoro la panzanella!! Poi con i peperoni verdi deve essere squisita! Foto bellissime!! Complimenti e un abbraccio!
    Ila

    RispondiElimina
  6. Che foto stupende!!! anche il piatto che hai preparato fa proprio gola. Belle le tradizioni, non abbandoniamole mai!
    grazie, ciao

    RispondiElimina
  7. CHE BUONA!!!BEL MODO DI CONSUMARE IL PANE AVANZATO RAFFERMO, NE HO GIUSTO UN PO' IN DISPENSA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  8. eh beh un piatto così non poteva proprio mancare nel tuo blog...foto incantevoli my darling! un bacio

    RispondiElimina
  9. La panzanella è uno di quei pochi primi piatti che adoro...è bellissimo vedere anche come ognuno abbia una personale versione! La tua è davvero da provare...w la semplicità e la cucina genuina :D

    RispondiElimina
  10. Ciao! Ho visto la tua ricetta su facebook e mi sono detta che dovevo saperne di più: io non l'ho mai assaggiata ma le tue foto e la tua ricetta mi hanno ispirata! devo provarla!
    un abbraccio! ^__^

    RispondiElimina
  11. Stupenda e molto, molto invitante! Queste ricette hanno sempre un loro perchè! Brava, hai reso la bontà del piatto anche attraverso delle foto eccezionali!

    RispondiElimina
  12. A me piace da impzzire!!!!!!! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina

© Cucina Scacciapensieri | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig