mercoledì 20 maggio 2015

Pan brioche facilissimo per tipi pigri...

Le giornate si susseguono piene e impegnative, ma alla mia valvola di sfogo non posso rinunciare, non posso tenere a freno la mia voglia di sporcarmi le mani o mescolare qualche nuovo ingrediente e se non riesco durante il giorno, piuttosto lo faccio dopo cena, quando i ragazzi sono finalmente a letto e Ale guarda la tv nel divano...Spesso mi chiama e si domanda per quale motivo non ceda a sdraiarmi e riposarmi, ma io sono nel mio mondo, l'adrenalina accumulata nella giornata è ancora in circolo e ho bisogno di scaricarmi, per poi andare a letto soddisfatta e con la colazione già pronta per la mattina successiva....





Questo pan brioche, di facilissima esecuzione, è stata una bellissima scoperta, tanto da averlo fatto già due volte in una settimana.
Ho sempre pensato che il pan brioche fosse un lievitato un pò particolare, noioso agli occhi di alcuni, perchè bisognoso di una lunga lavorazione come lo è stato stato nel caso del Pan brioche a lievitazione naturale già pubblicato in questi schermi.
Invece con questa ricetta tratta dal libro "Fragole a Merenda" di Sabrine d'Aubergine, (dal quale ho preso anche quella delle Brioche per principianti) fare un pan brioche buonissimo, soffice e duraturo nel tempo, è stato davvero un gioco da ragazzi: non occorre un'impastatrice, ma solo una ciotola e un mestolo di legno, non ci si sporca le mani, non serve incordare l'impasto..... sembra quasi fantascienza e invece è la pura semplice realtà....



Ingredienti per uno stampo da plum cake

450 gr di farina 00
7 gr di lievito di birra fresco (o liofilizzato)
180 ml di latte
50 gr di burro
60 gr di zucchero
1 pz di sale
2 uova
il succo di mezzo limone appena spremuto


Mettete la farina in una ciotola capiente e fate un incavo al centro.
Scaldate leggermente il latte, fateci sciogliere il lievito, il burro lo zucchero e il latte e lasciate intiepidire.
Rompete le uova in un'altra ciotola e prelevatene un cucchiaio che vi servirà per la finitura.
Poi aggiungete il succo di limone e sbattetele con le fruste elettriche fino a quando non saranno schiumose, questo passaggio servirà per far incorporare aria al composto.

Unite il latte alle uova e versate tutto nell'incavo della farina.
Mescolate bene con un cucchiaio di legno.
Il composto risulterà morbido e appiccicoso.

Sigillate la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare in un luogo riparato da correnti d'aria e ad una temperatura costante (di norma dentro il forno spento è ideale).
L'impasto ci metterà circa 4 ore a lievitare e triplicare il suo volume iniziale.
 Ricordatevi che deve fare tutto da solo e che voi avete impiegato solo 10 minuti per farlo...

Rivestite di carta da forno uno stampo da plum cake.
Trascorso il tempo indicato,  rovesciate l'impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato.
Dividetelo in tre parti uguali ricavando delle palle che metterete una accanto all'altra nello stampo.

Fate lievitare la brioche dentro un sacchetto di plastica sigillato alle estremità.

Questo passaggio l'ho trovato davvero una "genialata": Sabrine consiglia di prendere un busta per giacche, di quelle che si usano per i cambi degli armadi, sigillare con un nodo la parte dove di solito si dovrebbe inserire la cruccia, mettere il pan brioche all'interno, soffiare e gonfiare il sacchetto come si fa con un palloncino e legare l'altra estremità.
Questo passaggio è fondamentale perchè in un ambiente umido e caldo il l'impasto lievita molto facilmente.

Quando l'impasto avrà superato di circa 3 dita il bordo dello stampo, dopo circa 1 ora e mezza, accendete il forno a 190°.

Togliete il pan brioche dal sacchetto, facendo attenzione a non toccarlo con la plastica.

Spennellate con l'uovo e poco latte, decorate con granella di zucchero e infornate per 30 minuti totali.

Dopo circa 20 minuti di cottura, togliete la brioche dallo stampo e fate cuocere per altri 10 direttamente nella griglia del forno.




Share:

27 commenti

  1. Manco tanto da qui ma non mi perdo mai le tue bellissime foto su fb e quando ho visto questo bellissimo pan brioche ho detto"Enrica fermati e passa a salutare a Maddalena!". Quel libro ha catturato anche me e rivedere questo pane da te mi fa venir voglia di mettere subito le mani in pasta.
    Un abbraccio a te e ai tuoi birbanti belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Enrica mi fa tanto piace che sei passata di qui, purtroppo mi sento nei tuoi stessi panni, gli impegni non ci fanno dedicare alle cose che ci piacerebbe davvero fare e anch'io ormai da qualche tempo latito fra i blog, ma contraccambio il tuo saluto e ti abbraccio! Grazie

      Elimina
  2. Ha un'aspetto magnifico e si percepisce la consistenza di sicuro morbidissima,io sono pigra con i lievitati accipicchia,questa ricettina fa proprio al caso mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perchè dici di essere pigra te la consiglio ancora di più, a me piacciono molto i lievitati, anche complessi, ma se sono facili mi piacciono ancora di più....ti giura....una scoperta fantastica!!!!

      Elimina
  3. Meraviglioso!!! Pensa che era in cima alla mia lista delle cose da provare, ho gia riletto 3 o 4 volte il procedimento da Fragole a Merenda e poi continuo a rimandare,... con le tue meravigliose foto mi hai fatto venire ancora più voglia! Presto bisogna proprio mettersi all'opera.... Un abbraccio!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sandra ci vuole più a leggerlo che a farlo, credici!!!! aspetto il tuo allora! bacio grande!

      Elimina
  4. Infatti ha un aspetto bellissimo.. si vede molto bene che è soffice!!! Ci vedo bene la confettura di lamponi.. ma anche la nutella non sarebbe male :-P!!! un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cla, provato con entrambi....una bomba!!!! ahahahha <3

      Elimina
  5. Lo sai amica che quando si tratta di risparmiare tempo in cucina io sono in prima linea, l'anno scorso preparai un pan brioche senza impasto e non rimasi molto soddisfatta, infatti non lo pubblicai... Non è la prima volta che vedo questa ricetta e decantarne il risultato, non mi resta che appuntarmela;) magari proprio per questo fine settimana:* le foto come sempre bellissime :* un abbraccio stellina, di quelli super pieni d'affetto :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece devo ancora provare il tuo pan brioche all'olio...ma non me ne sono certo dimenticata!!!! bacione e grazie cucciola!!!!

      Elimina
  6. Capisco perfettamente quanto possa essere terapeutico mettere le mani in pasta per tenere a freno lo stress o semplicemente x scaricare l'adrenalina accumulata durante la giornata! Direi che i risultati poi danno quella soddisfazione in più che aiuta ad affrontare meglio la giornata ^_*
    I miei complimenti :-)

    RispondiElimina
  7. Sono venuta a cena da te, ma la prossima volta mi prenoto per la colazione! ;-)
    L'aspetto è incantevole e si vede proprio che è venuto benissimo all'interno! Me lo mangerei anche da crudo, pensa un po', ehehe!

    RispondiElimina
  8. Io sono una moooooolto pigra :-DDDD
    è di un bello che sembra quasi impossibile ottenere una cosa del genere senza fare nulla

    RispondiElimina
  9. Cara Maddalena, forse arrivo in ritardo per chiederti una fettina del tuo pan brioche, ma ci tenevo ad esserci oggi che il tempo non mi rema contro come al solito e soprattutto oggi che è il tuo compleanno!Ti abbraccio e ti dico quello che penso ogni volta che mi sorprendi con una tua ricetta su fb, e cioè che sei forte ragazza!Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, cara, sei stata davvero molto gentile a passare di qui proprio oggi, sono molto felice e sappi che la mia stima è' reciproca!!!!! Ti abbraccio forte!!!

      Elimina
  10. Che spettacolo!! Spero di riuscire a provarlo molto presto!! Ancora tanti auguri! Baciii

    RispondiElimina
  11. Auguri tesorino, anche da qui...questo pan brioche è perfetto che devo prossimamente provarlo e sai che lo farò! ;)

    RispondiElimina
  12. bellissima e davvero facilissima.. complimenti...

    RispondiElimina
  13. Geniale il sistema e la ricetta intera!! Me la segno!! Grazie per compartirla.
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  14. il panbrioche è adorabile e penso davvero che sia semplice anche per chi non ha grande dimistichezza con i lievitati.Fotto stupende

    RispondiElimina
  15. sembra davvero miracoloso ^_^ ed è anche bellissimo!!!!

    RispondiElimina
  16. E qui fai proprio centro nel mio cuore!! Il pan brioche non mi é mai venuto come volevo, tanto da rinunciare spesso quando mi tornava la voglia di risperimentarlo..
    Vedendo il tuo però mi vengono gli occhi a cuoricino!
    E se mi dici che si può fare io mi butto, mi fido!! ^_^
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  17. ...dici che ci posso riuscire anche io? E' semplicemente meraviglioso..........
    Sono pasticciona e senza pazienza...lo so, irrecuperabile!
    Un bacione cara e buona giornata

    RispondiElimina
  18. E' stupendo Maddalena! Con una ricetta fantastica come questa, non posso non provare a fare il mio primo panbrioche! Baci, Mary

    RispondiElimina
  19. Mi piace la brioche per colazione, se poi fa tutto da sola... la adoro! A presto e auguri per il tuo compleanno passato :-)

    RispondiElimina
  20. carissima ho fatto anch'io questa ricetta presa dallo stesso libro (bellissimo!!!) e anch'io ho trovato semplicemente geniale l'idea di gonfiare il sacchetto per far lievitare al meglio il pan brioche!!! complimenti per il risultato e per tutto quello che fai! rendi tutto così....poetico!!! un abbraccio cara

    RispondiElimina

© Cucina Scacciapensieri | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig