martedì 22 maggio 2018

Sughetto agli asparagi di campo

La stagione degli asparagi di campo e' iniziata da un po' e io ho già fatto le mie provviste per i prossimi mesi perché' sono così' buoni e così preziosi che e' giusto preservare il sapore per più' di qualche settimana.
Quest'anno poi, il tempo metereologico di questa primavera e' stato perfetto per questo tipo di prodotto, le continue pioggie e il sole a intervalli regolari hanno fatto si' che i campi e i boschi si riempissero di asparagi e noi che ne siamo golosi abbiamo avuto la fortuna di mangiarli per più' di "solo per qualche giorno.."
Di loro c'e da dire poco, crescono spontaneamente dalla loro pianta "asparagina" e si mimetizzato benissimo, infatti ci vuole occhio e pazienza per trovarli, ma anche se il raccolto e' scarso, niente paura, il loro sapore e' cosi' intenso che ne bastano pochissimi anche per fare un piatto di pasta per due parsone.
Cuocerli e' una cosa davvero semplicissima, ma per avere un risultato perfetto si deve seguire un piccolo accorgimento.
Ve lo spiego nella ricetta, proprio qui sotto...



Share:

mercoledì 2 maggio 2018

Insalata di pomodori con tonno e feta

Anche quando la testa e' occupata da un'altra parte e satura di tanti pensieri, la cucina rimane sempre e comunque l'unica via d'uscita possibile e siccome la voglia di mettersi ai fornelli e' davvero poca, il piatto freddo e' l'alternativa essenziale ad uno giornata uggiosa.
La parola d'ordine e' sicuramente leggerezza e velocità'; che siate tornati dalla gita al mare o dalla scampagnata con panini e focacce del 1 Maggio, un'insalata fresca e' quello che ci vuole per rimettersi in moto e affrontare questa settimana corta di lavoro.
I vantaggi di questo piatto sono numerosi, innanzi tutto e' un piatto unico che possiamo portare in ufficio per la pausa pranzo, e' leggero, non appesantisce ma e' sicuramente completo se accompagnato con grissini integrali o crackers alla soia. E' veloce da preparare e ottimo dopo una passeggiata a piedi, in bici e la lezione in palestra.
La feta marinata da' al piatto un sapore tutto particolare, e' stuzzicante e saporita, ottima per le insalate come per la pasta, ad esempio quella con i fagiolini che trovate qui, favolosa nelle bruschette e per insaporire una vellutata di verdure.
Io la faccio e la conservo in frigo, all'interno di un barattolo di vetro e coperta di olio, si mantiene per 10 giorni abbondanti e sono sicura che se la proverete, troverete il suo utilizzo nei modi più' svariati perché sta bene ovunque!
Adesso scappo e vi lascio alla ricetta...alla prossima!


Share:

venerdì 20 aprile 2018

Torta al cioccolato con crema alle nocciole




Prometto che la finiro' da qui all'inizio della nuova settimana con dolci, creme e cioccolato, prometto che non rivedrete qualcosa di assurdamente goloso e libidinoso almeno per 2 mesi  1 mese e prometto che da lunedì ci saranno solo piatti leggeri e insalatine!
Mio marito ha esordito al ritorno dal lavoro, dicendomi che sono una persona scorretta e mi sono sentita talmente in colpa che gli ho giurato e spergiurato che di dolci a pieno giro di calorie non ce ne sarà' nemmeno l'ombra per almeno 2 mesi e stavolta e' vero.
La bilancia si e' rifiutata di pesarci facendo finta di aver finito le pile e i jeans hanno detto "basta di tirare dentro quella pancia tanto lo sai che non ci abbottoniamo!"
Insomma qui e' un bel disastro, ma quando sei costretta a fare queste delizie per lavoro, tutti i giorni, a voglia regalarle ai vicini, all'estetista, alla parrucchiera, alla mamma, alla suocera, alle amiche, alle maestre, qualcosa ti devi pur magna'... ed ecco fatto!
Giuro che il cioccolato delle uova di Pasqua e' quasi finito e che adesso ci mettiamo sotto sul serio, me ne lascio comunque, sempre per scrupolo qualche pezzetto, chiuso bene bene in un contenitore ermetico, non si mai un caso di zuccheri!!

Share:

venerdì 6 aprile 2018

Crostata golosa con cioccolato e lamponi


Vi avevo promesso una ricetta per riciclare le uova di cioccolata, volevo andare sul semplice, ma poi mi sono fatta prendere la mano, sarà' stata la primavera? Il sole? La temperatura mite?
Sara' che e' venerdi' e l'aria che si respira e' tutta un' altra cosa, c'e' più' relax e tranquillità' e le ultime cose da fare sono state rimandate tutte alla prossima settimana, perché' oggi me la voglio proprio godere!
Sapete che la coppia cioccolato&lamponi e' consolidata nel tempo e non conosce crisi, quindi mentre pensavo a come smaltire tutto quel cioccolato regalato ai bimbi per Pasqua, il frutto che mi e' venuto subito in mente e' stato proprio il lampone, più' volte usato nelle mie ricette perché amato alla follia.
Se come me, siete dipendenti da questa piccola pepita rossa, vi consiglio subito acquistarne in notevole quantità' perché durante la preparazione saranno più' quelli che mangerete che quelli che andranno come decorazione sulla torta...
Ma tornando a noi, la ricetta di per se, come sempre, non e' niente di eclettico, una semplice crostata, un guscio croccante e sottile che dovrete stendere bene prima di cuocere in forno con cottura alla cieca, vi consiglio di utilizzare dei legumi secchi o i pesi da cottura che io uso spesso e che potete trovare nei negozi che vengono articoli e accessori per la casa.
Se volete, prima di farcire con la ganache al cioccolato, potete mettere sul fondo della crostata anche qualche lampone e poi ricoprire tutto per avere la sorpresa di trovarlo anche all'interno della crema.
I bottoncini di frolla sul bordo della crostata sono opzionali e vanno bene solo se avete davvero tempo e voglia di farli e poi i lamponi mi raccomando che siano freschi, grandi e abbondanti, giusto per far crepare l'avarizia!
Potete preparare questa crostata anche il giorno prima, ma vi consiglio di decorarla con i lamponi solo prima di servirla per mantenere il suo aspetto intatto e invitante...
Bene, penso di avervi detto tutto, se avete domande scrivetemi nei commenti, sul mio profilo FB personale o sulla pagina.
Vi auguro un dolcissimo fine settimana e vi mando un bacio grande!

Share:

mercoledì 4 aprile 2018

Minestrone leggero di primavera



Voglia di primavera e di tante verdure colorate e croccanti nel piatto, voglia di leggerezza e di un pieno di vitamine che ci dia la carica giusta per andare incontro alla nuova stagione e speriamo che sia bella!
Quante volte avremmo voglia di un bel piatto di minestra? Quante volte avremmo il piacere di mangiare cibi sani e verdure di stagione, ma non abbiamo mai il tempo di acquistarle davvero in un orto a km zero o dal contadino, piuttosto che al banco del supermercato? 
Se in inverno, siamo stati carenti in questo senso, adesso e' la stagione giusta per muoversi perché' le verdure e gli ortaggi del momento, hanno davvero bisogno di poco tempo per essere cucinate, quindi oggi vi propongo una ricetta molto facile e veloce che vi ruberà' pochi minuti senza rinunciare al gusto.
Il mio minestrone e' leggero perche' ha pochi minuti di cottura, questo permette alle verdure di rimanere intatte, croccanti, saporite e di non abbandonare il loro colore brillante e invitante.
Ad insaporire il nostro bel piatto, oltre alla cipolla che fa da base, anche due ottime erbe aromatiche che adoro, il basilico e l'erba cipollina.
Ho aggiunto una pasta da minestra simpatica a forma di lettere dell'alfabeto, per allettare anche i miei bimbi a mangiare questo bel minestrone primaverile, ma voi potete aggiungere il formato che preferite oppure riso se volete, o niente per un risultato ancora più' light, o crostini di pane croccanti per uno più' sfizioso.
Ai miei marmocchi il minestrone piace sodo, con poco liquido, proprio come quello nella foto, ma se voi lo preferite più' liquido basterà' aumentare la dose dell'acqua.

Come sempre la ricetta e' personalizzabile secondo i gusti e le esigenze di ognuno di noi, quello che accomunera' tutte le versioni sarà' sicuramente il colore brillante e il sapore delicato.
Share:

venerdì 30 marzo 2018

Mini quiches con farina di canapa, asparagi e uovo


Sono sincera, non ho pensato tanto alle ricette di Pasqua, quest'anno sono stata piuttosto carente e se volete idee e un pranzo completo dall'antipasto al dolce, dovrete andare in edicola e cercare sul numero di Aprile di ATavola Magazine, li' vi potrete sbizzarrire e trovare, nella rubrica sulla sulla carne, tre ricette dedicate all' agnello, cucinato in tre modi diversi, per cercare di mettere d'accordo un po' tutti.
Qui nel blog, invece, oltre alle brioches pubblicate la scorsa settimana, potete cercare delle casella Cerca RICETTE DI PASQUA e spero che potrete trovare quella che più' di adatta alle vostre esigenze.
E poi c'e' questa, una ricetta molto particolare, rustica, ma al tempo stesso delicata, che richiama la festa grazie alla presenza di quel tuorlo giallo e intatto e che ricorda la primavera perché verde dentro e fuori. Gli asparagi sulla tavola di Pasqua non potevano mancare e la farina Canapa Green Mix di Molini Spigadoro, mi ha permesso di formare un guscio croccante e saporito che completa il piatto in modo molto armonico.
So che il tempo stringe e magari avete in casa un'altra farina, ma vi consiglio comunque di provare, e tenere da parte l'idea della farina di canapa, a me sorprende ogni volta...



Mini quiche con farina di Canapa Green Mix, asparagi e uovo

Ingredienti per 4 persone

80 gr di burro
50 ml di acqua fredda
1 pz di sale

250 gr di asparagi
100 gr di ricotta di mucca
20 gr di parmigiano
1 spicchio di aglio
4 tuorli
1 albume
noce moscata
sale
pepe
olio extravergine di oliva
erba cipollina 
germogli di alfa alfa per la decorazione (facoltativi)

Mettete la farina, il burro, l’acqua e il sale in un frullatore o cuttar da cucina. Frullate qualche secondo amalgamare e formare la nostra pasta brise' alla farina di canapa.

Se necessario aggiungete qualche goccia di acqua in piu’.
Formate un panetto con le mani e mettete a riposare in frigo per circa 30 min.

Lavate gli asparagi, tagliate la parte finale del gambo, circa 2 -3 cm, eliminare con un pelapatate la parte legnosa esterna da meta' gambo in giu'.
Tagliate gli asparagi sottilmente, lasciando 4 punte intatte.
Fte appassire lo spicchio di aglio in padella con un filo di olio, aggiungete gli asparagi, comprese le punte intere e due cucchiai di acqua. Condite con sale e pepe e lasciar cuocere 10 min.
Lasciate raffreddare completamente.
Trasferite gli asparagi in una ciotola, aggiungete l’albume, la ricotta, la noce moscata e regolate con un pizzico di sale.
Amalgamate con un mestolo e frullate a intervalli, con un frullatore a immersione per ottenere una crema rustica, non troppo liscia. Tenere da parte.
Stendete la pasta brisee’ alla canapa su un piano di lavoro leggermente infarinato. Ritagliate 4 dischi del diametro di 12-13 cm e foderare dei stampini per mini quiche del diametro di 10 cm.
Ritagliate il bordo con un coltello e bucate la base con una forchetta.
Farcire le quiches con il composto di asparagi.
Cuocete in forno a 190 gradi per 15 min.
Togliete dal forno, aggiungere sopra ogni tortina un tuorlo e salare leggermente.
Rimettere in forno per circa 2 minuti.
Prima di servire aggiungere le punte di asparagi, i germogli e l’erba cipollina finemente tritata.


Vi auguro una buona e serena Pasqua, un abbraccio forte!


Share:

mercoledì 21 marzo 2018

Brioches di Pasqua con miele e ovetti di cioccolato


Quando si avvicinano le feste, e' quasi obbligo creare ricette per l'occasione, per quel momento che riunisce tutta la famiglia e nel quale ritroviamo la pace e la serenità che a volte andiamo tanto cercando ma che non ci accorgiamo avere a due palmi dal naso. Quando arrivano le grandi feste tutto si mette in subbuglio e la cosa principale da organizzare rimane sempre la cucina: che sia per il grande pranzo, per la colazione o per preparare dolci e biscotti da regalare, e' davanti ai fornelli che tutto questo viene condotto e articolato.
Queste dolcissime brioches le avevo addocchiate su pinterest già l'anno scorso, ma poi chi avevo mai avuto il tempo di farle? Come succede spesso, l'idea si accantona ma non mi lascia, nemmeno a distanza di uno, due, tre anni e oggi eccomi qui, con una brioche in una mano e la macchina fotografica nell'altra per una lasciarvi una ricetta semplice, con pochi grassi e golosa quanto basta per fare uno strappo alla regola, almeno nei giorni di festa!
La farina che ho usato e' quella di Molini Spigadoro, che da qualche anno ormai mi accompagna nelle mie ricette dandomi sempre grande soddisfazione, questa volta ho scelto la Dolce Soffice, perfetta per i dolci da colazione ma anche per i piccoli lievitati, come in questo caso. L'impasto e' stato aromatizzato con la scorza di arancia che da un profumo davvero inebriante e dolcissimo e a differenza di altre brioches sul web, queste hanno l'ovatto di cioccolato al centro, mentre alcune lo hanno finito solo per decorazione, in questa brioche si può' mangiare tutto!
Spero che la ricetta vi abbia stuzzicato l'appetito e la vostra golosità', io vi lascio con gli ingredienti e la preparazione e intanto me ne torno in cucina ha inventare qualcos'altro...un forte abbraccio!
Share:

giovedì 15 marzo 2018

Smoothie Bowl alle fragole e yogurt grego


Se la colazione e' il pasto principale e più' importante della giornata, e' giusto che sia anche bello e soprattutto buono, che dia la carica per affrontare il lavoro, la scuola e le faccende di casa.
E' giusto che sia veloce, per quelli che la mattina si alzano all'ultimo minuto (ne conosco qualcuno) e che metta allegria e ottimismo.
Io sono per caffe' latte e biscotti la mattina e guai a chi me li tocca, ma  a volte dobbiamo variare, spezzare la monotonia con un gusto diverso, sicuramente più' leggero e sano.
Le bowls stanno spopolando ovunque e solo dopo averle provare vi renderete conto del perché': sono un pieno di vitamine allo stato puro e si possono fare nei gusti e modi più' svariati.
Il solo vederle mette bene, anzi benissimo perché' sono molto belle, gradevoli e colorati, unico attrezzo da cucina indispensabile... un frullatore!
Basta mettere tutto dentro, frutta, yogurt, latte o bevande di qualsiasi tipo (mandorle, riso, avena, soia, farro) potete arricchire con cereali, mischiare più' di una frutta insieme, poi si versa tutto in una ciotola e si decora con frutta fresca, secca, semi e fiocchi di cereali.
La ricetta, se cosi' si può chiamare, la trovate qui sotto, io ho fatto un mix di fragole e banana per dare una consistenza più' soda e mangiarla con il cucchiaino, ma se vi va di usare un frutto più' acquoso come ananas o kiwi, versate lo smoothie in un bicchiere, cannuccia colorata e via di corsa al lavoro!

Share:

venerdì 9 marzo 2018

Crostata con farina di mandorle e marmellata di albicocche



Quasi pronti per il fine settimana, anche se il mio si prospetta con il bonus del mal di testa, che gioia!
Se non fosse per questo, apparirebbe tranquillo, come al solito in famiglia, con la solita tranquillità' e pigrizia che accompagna il sabato mattina e la voglia di coccole nel lettone della domenica.
Domani mattina scendere in cucina e troverò' anche un dolce ad aspettarmi, mentre preparerò il caffè' ne taglierò' una fetta e la colazione sarà' come sempre il momento nel quale fai il programma della giornata.
So di essere diventata un po' monotona nelle ultime settimane, ma quando passo tutta la settimana a cucinare salato, la voglia del dolce si fa irrefrenabile e il momento per goderne a piena diventa il fine settimana.
La crostata e' il dolce che in casa mette d'accordo tutti, soprattutto se la farcisco a meta': cioccolato per i ragazzi, marmellata per noi e la pasta frolla con l'aggiunta delle mandorle dona una consistenza morbida e bagnata che a contrasto con l'acidità' delle albicocche....vabbe', dovete assaggiarla!
Share:

venerdì 2 marzo 2018

Crema al mascarpone con biscotti secchi e marmellata di arance rosse

Ecco cosa succede quando il week end si avvicina: per quanto mi riguarda oltre alla voglia di gettarmi nel divano, arriva anche quella del dolce, il quale ahime' si e' ridotto solo al fine settimana, grazie (ma anche non troppo grazie) ad un regime alimentare più' rigido che dura dal lunedì al venerdì. 
E allora faccio che il peccato di gola sia davvero godurioso e che mi lasci con il dolce in bocca per tutti i giorni a seguire, fino al prossimo sabato. Stavolta ho scelto la variante del mio dolce preferito, il tiramisu', che se avete voglia di preparare la ricetta classica la trovare cliccando QUI, ma se invece avete voglia di una variante, vi consiglio la ricette sotto.
Inoltre, adesso e' tempo di marmellata di arance, quindi perché' non approfittarne? 
Sul blog trovate la ricetta della MARMELLATA DI ARANCE classica, se volete replicarla con le arance rosse non farete che sostituirle come ho fatto io, altrimenti potete optare per una marmellata comprata, anche se sapete meglio di me che non e' proprio la stessa cosa e comunque chi vi impedisce di metterne una che avete in casa, albicocche, fragole, pesche.
Come al solito siete voi che dovete personalizzare la ricetta, io vi do' solo l'idea!
Forza al lavoro, la cena con gli amici del sabato sera e' dietro l'angolo...


Share:

mercoledì 14 febbraio 2018

Cuoricini di frolla alle nocciole con crema gianduia


Non so se sono ancora in tempo, pero' ci provo lo stesso; anche se la colazione ormai l'abbiamo saltata, ci rimane sempre la merenda o il dopo cena e per chi cerca qualcosa di grazioso, goloso, facile da preparare e soprattutto veloce, con questa ricetta e' impossibile fallire.
Diciamo che questi biscottini di frolla sono proprio quello che cerchiamo quando non abbiamo tempo di creare qualcosa di più' elaborato, quando dopo una giornata di lavoro e' impossibile pensare a manicaretti, quando abbiamo voglia di coccolarci un po' e la coperta sul divano non basta.
Ormai la ricetta per la pasta frolla la sapete di certo ma avete mai provato ad aggiungere le nocciole?
Il risultato e' ancora più goloso e friabile e vi assicuro che sarà' amore al primo morso.
Oggi ho pensato ai miei soprattutto ai miei bimbi che sono l'amore della mia vita e sono sicura che questi biscottini gli piaceranno un sacco, ho pensato anche a  mio marito che di sicuro brontolera' perché vorrebbe iniziare la dieta, ma a casa nostra e' quasi impossibile e poi ho pensato a me, perché' questi sono i biscotti che preferisco, croccanti friabile con un ripieno morbido che mi avvolge ogni volta che ne addento uno!

Share:

venerdì 9 febbraio 2018

Crostata al cioccolato

Nella sua semplicita', questa crostata mi ha conquistata!
In una tranquilla domenica mattina di un paio di settimane fa, mi ritrovata in cucina come non succedeva da tempo, senza fretta, mentre i raggi di sole di una bella giornata invernale entravano dalla finestra, io a cucinare come se dovessi recuperare il tempo perso, quello che durante i mesi di Novembre, Dicembre e Gennaio non avuto.
Mentre pensavo che la giornata si sarebbe svolta nel migliore dei modi, ho preparato questa crostata per la merenda dei bambini e mi e' venuto in mente che da li' a pochi giorni sarebbe stato San Valentino e che una coccola come questa al cioccolato sarebbe stata davvero perfetta! 
Io ve la propongo oggi, con due cuoricini appoggiati li, quasi per caso, che un po' richiamano la ricorrenza, ma un po' stanno anche a dire che cucinare e' un gesto d'amore per chi si ama e siccome i miei amori hanno apprezzato molto, forse anche i vostri sarebbero più' che felici di fare colazione o merenda così...


Share:

lunedì 5 febbraio 2018

Saccottini alla marmellata con farina di canapa e riso rosso



La piega del mio Carnevale e' molto soft quest'anno. Non amo tantissimo questa festa, devo essere sincera, ma i suoi dolci, quelli si che mi piacciono, eccome!Sono il solito pretesto, quello che cerco in ogni ricetta, per tornare un po' indietro nel tempo e alla solita, cara, cucina della nonna.
Lei ha sempre fatto gli STRACCI, non ha mai cambiato la ricetta e soprattutto non si e' mai diversificata, quando si dice rispettare la tradizione :))
Io, invece, ogni anno vorrei provare una ricetta diversa, ma come spesso succede, il tempo manca e allora che fare?
Sicuramente la ricetta salva Carnevale, la trovo usando un po' di farina, quelle di riso e canapa di Molini Spigadoro che così' colorate fanno subito festa, pochi grassi e poco zucchero, impasto tutto e farcisco con la marmellata che ho a disposizione, anche quella nel vasetto a meta' nel frigo e' perfetto.
Chissa', se per quest'anno mi fermero' o continuerò' la saga dei dolci di Carnevale? Come sapete, fosse per me, starei tutto il giorno in cucina a friggere, ma le priorità' sono sempre altre, così' mentre mi mangio un scalino e scopro il suo cuore dolce di marmellata, mi organizzo la giornata e scappo di corsa a sbrigare le faccende del lunedì...

Share:

lunedì 22 gennaio 2018

Zuppa di verza con orzo e zucca


Il mio lunedì' comincia con le file di lavatrici da fare e con una zuppa sul fuoco.
Il mio autunno e il mio inverno sono stati scarsi di queste preparazioni, ma io non potevo far finire le stagioni più' fredde senza il piatto più' caldo sopra la tavola..e pensare che zuppe in casa mia se ne fanno...eccome!
Le verdure fresche che provengono dagli orti non fanno in tempo neanche a sostare un giorno in frigorifero che subito vengono cucinate e come dice mio fratello per prendere in giro il nostro babbo, ogni anno, c'e sempre una verdure che la fa da padrona, una per la quale la mia famiglia prende una sorta di sbandata; c'e stato l'anno del cavolo del nero e via sotto con bruschette e olio nuovo, quello del radicchio rosso, quindi ogni sera risotto e insalata e quest'anno e' toccato alla verza.
Litri e litri di zuppa di verza...sembrava che mia mamma non vedeva l'ora di arrivare al fine settimana per preparare la minestra per tutta la settimana successiva, una volta ha avuto addirittura il coraggio di spedirla a mio fratello oltre - Manica!!!!
Cosi', in qualche modo glielo dovevo, si insomma, mi sentivo in dovere di ripagarla per le tutte le vitamine e sali minerali che ci ha fatto buttare giu' durante l'inverno e quindi oggi e' zuppa,
di verza ovviamente!
La ricetta non e' quella della mamma, perché' lei, furbamente ricicla ogni volta quello che ha in casa finendo per non avere ne' dosi ne' regole da seguire.
Io ho optato per una procedura classica e facilissima, ho aggiunto un po' di zucca e l'orzo, ma voi potete fare come mia mamma, che non pone limite alla provvidenza e neanche a se stessa e aggiungere quello che volete!

Share:

lunedì 15 gennaio 2018

Polpette di carne con pure' di sedano rapa



Vorrei che questo 2018 fosse iniziato meglio: di buoni propositi neanche l'ombra, non me sono fatta il benché' minimo problema, anche perché' tutti gli anni sono sempre i soliti e tutti gli anni arrivo a Dicembre che di tutto quello che avrei voluto fare, poi in effetti ho fatto ben poco.
Lo vorrei vivere, non dico giorno per giorno per questo anno, ma step by step, come le ricette che ho dovuto fare stamattina, un passo alla volta, senza iniziare quello successivo prima di aver finito il precedente, che poi tanto lo so, che con troppa carne al fuoco, io pasticciona come sono, rischio sempre di bruciare tutto, o magari mi arraffo, mi esaurisco, ma alla fine faccio bene per poi soffrire di attacchi di colite e emicrania per due settimane dalla troppa ansia accumulata.
Insomma, in certi casi il gioco non vale la candela, ma come accorgersi quando vale e quando non vale? Io penso di conoscermi, ma alla fine quanto e soprattutto, fino in fondo?
Spesso ricado nei soliti errori, sono stupida? Masochista? Troppo impulsiva? Forse tutte e tre, forse a volte ingenua e in questo momento particolarmente spompata.
Come sempre trovo rifugio qui, una panacea per tutti i mali, il mio balsamo per curare le ferite, ma ultimamente poco di tutto ciò' costretta come sono a dover ricercare ricette in archivio pur di pubblicare qualcosa.
Nonostante questo, le giornate si faranno più' lunghe e io ritroverò' la mia forza e il mio ottimismo. Dove? Dentro di me naturalmente, negli occhi dei miei bambini e nelle ricette che presto tornerò' a fare!

Share:
© Cucina Scacciapensieri | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig